QUESTO PORTALE WEB UTILIZZA COOKIES TECNICI Ulteriori informazioni.

Ministero della pubblica amministrazione

logo

Il 3° Circolo Didattico “Baldo Bonsignore” è ubicato nel Comune di Mazara del Vallo e abbraccia un bacino di utenza che presenta differenze socio-culturali ed economiche variegate. Il circolo comprende complessivamente 6 plessi:

  • sede centrale “B. Bonsignore” (Sc. Primaria)
  • plesso “Deledda” ( Sc. Primaria e Infanzia)
  • plesso via Livorno ( Sc. Primaria)
  • plesso “Don Milani A “ ( n.3 sez. di Sc. Infanzia)
  • plesso “Don Milani B” ( n.2 sez. di Sc. Infanzia)
  • plesso “Ex Asilo Nido” ( n.3 sez. di Sc. Infanzia)

Gli edifici usufruiscono di buone dotazioni tecnologiche, disponendo di aule multimediali, di laboratori e di atelier creativi. Nella gran parte delle aule è installata una LIM, con evidenti vantaggi per le attività didattiche.

Con l’apporto delle competenze professionali del personale docente e non e attraverso la collaborazione delle famiglie ,delle istituzioni  e delle agenzie del territorio, la scuola,  tende alla realizzazione del “Profilo educativo, culturale e professionale degli allievi attraverso:

  • il lavoro collegiale degli insegnanti con la valorizzazione delle competenze professionali specifiche; • il raccordo interdisciplinare fra i docenti come strumento che possa garantire l’unitarietà dell’insegnamento;
  • la disponibilità degli insegnanti a intendere la valutazione come un’ operazione finalizzata alla correzione  dell’intervento didattico più che espressione di giudizi nei confronti degli alunni;
  • la disponibilità degli insegnanti alla sperimentazione e all’innovazione didattica e all’aggiornamento professionale;
  • la collegialità  e la flessibilità nella proposta delle attività didattiche e l’interscambiabilità dei ruoli;
  • la continuità con le famiglie, gli altri ordini di scuola, il territorio;
  • percorsi curricolari  flessibili e dinamici adeguando i percorsi educativo -didattici ai ritmi di apprendimento di ogni singolo alunno  nonché promuovendo e valorizzando le “competenze” personali di ciascuno;
  • la promozione dello sviluppo ottimale delle possibilità di ogni soggetto, individuando ed elaborando gli strumenti adeguati a garantire la continuità educativa tra i diversi ordini e gradi dell’istruzione obbligatoria di base;
  • il miglioramento qualitativo del curricolo e della didattica anche mediante metodologie e progetti integrati riguardanti, in particolare, le nuove tecnologie, laboratori d’arte, l’animazione alla lettura, ecc.;
  • la promozione di una  cultura della legalità, della sicurezza per la salvaguardia del benessere  psico-fisico dell’alunno, il rispetto dell’ambiente naturale, degli esseri viventi ,della cosa pubblica e del patrimonio artistico e culturale;
  • si pone altresì in prospettiva di  interculturalità  educando gli alunni attraverso la ricerca attiva, il riconoscimento del valore storico-culturale delle altre identità etniche, per far superare forme di razzismo e di discriminazione sociale e fare acquisire loro atteggiamenti di tolleranza e  cooperazione attiva e responsabile.
  • supporta la “diversità” e garantisce la piena integrazione degli alunni in situazione di bisogni educativi speciali.

La nostra scuola il 10 aprile 1980, su proposta del Collegio Docenti, veniva intitolata al suo Direttore Didattico Baldassare Bonsignore, morto prematuramente il 23 marzo 1980. Uomo di notevole impegno sociale e professionale, cultore di dottrine psico-pedagogiche, e autore di svariati scritti editi ed inediti. Spirito versatile, attento ai fenomeni culturali del tempo, che seguiva con interesse non comune, evidenziava la figura dell’educatore e non trascurava il binomio inscindibile tra cultura e società. Divulgatore del pensiero di Bruner affermava: “ la conoscenza è generativa, perciò efficace, quando costituisce un chiaro punto di partenza per continuare ulteriori esplorazioni…..”

Sin dal 1981 la famiglia dedica alla memoria del Direttore una borsa di studio, assegnata ad un alunno del Circolo , frequentante la classe quinta, che su segnalazione del Collegio dei Docenti, risulti essere più indigente tra i meritevoli.

 

In primo piano

Ultime NEWS